Telefilm Cult su Twitter

venerdì 26 agosto 2016

NEWS - Drog(o)ati di Momoa? E se il fustacchione di "GOT" tornasse in vita (o più presumibilmente in flashback o visioni)? 
Is Khal Drogo coming back to ‘Game of Thrones’? Jason Momoa fueled speculation that his beloved character might rise from the dead on the show when he was spotted out with ‘Game of Thrones’ creators David Benioff and D.B. Weiss! Jason sure knew how to get the Game of Thrones fandom talking! The creators are currently in Ireland for pre-production of Game of Thrones seventh season. The fact that Jason is in Ireland and hanging out with the creators, is definitely fueling rumors that Khal Drogo could show up again on the show!
Cheeeeehhoooooooooo. @Guinness in Ireland. Drinking mothers milk With my brothers @captainriff dan and david. Love ya GOT greatest show on earth ALOHA DROGO,” Jason, 37, captioned an Aug. 21 Instagram photo of himself with David, 45, and D.B, 45.

mercoledì 24 agosto 2016

ESCLUSIVA - Morena Baccarin di "Gotham" (Premium Action) intervistata in esclusiva da Telefilm Cult: "Leslie e Gordon sono la luce in mezzo alle tenebre della città!"

What is the tone of the relationship between Leslie Thompkins and James Gordon after everything they went through?
I think Leslie’s been left a little rattled after her last experience with Barbara Kean [played by Erin Richards]. But she’s a very a strong person and they are both survivors. They are trying to deal with the hand they were dealt. He’s in a bit of a dark spot, so I think there’s going to be a little bit of a push/pull into that world of darkness this season as they see if they can come out and survive. He’s going to be going through quite a lot, so we’ll see if they’re able to survive it – and where his priorities lie. I would guess that it’s going to be very complicated.

Are you the light pulling Gordon away from the darkness?
I don’t know if light is the right word. She’s supportive, but she’s also got her own things that she’s grappling with. The Gotham world is a difficult world!

Would you agree that there’s a darker tone to the show this year?
Essentially, I think every character is going to be tested a lot this season. There’s a lot more darkness everywhere. I think a lot of the characters are going to be deciding which side they’re on.

Does this mean there will be lots of internal battles as well as physical battles?
There’s a great film noir saying: ‘Looking into darkness and darkness looking into you.’ I think that’s what everybody’s going to be dealing with this season. Who is able to flirt with that and extricate themselves and not get sucked into the evilness of it? I think that every character is going to have that a little bit this year.
Leslie Thompkins is one of the strongest female characters in the GCPD. What is that like to play?
It’s fantastic. It’s really great. I love how smart the show is written. I like that it pushes the boundaries and that it goes into the dark places. 
How would you describe Leslie’s role in the show?
Well, the season one storyline for my character was very simple – I was brought into the show to be a love interest for Gordon, so they planted that seed very early. It developed into quite an interesting relationship where they were supportive of each other, and he had a little bit of light in a very dark world. She brought a little bit of humour to him and a bit of lightness, and then they became very good partners and very good comrades. She then started working at the Gotham City Police Department, which melded their worlds together a little bit more, so we’ll see where that goes from here.

In the comic, Leslie creates her own medical clinic. Will we see any of that in Gotham?
Eventually, I think so. I’m not really sure what their plan is with the whole arc for this character, but she does form other relationships apart from just the Jim and Leslie relationship.
How much do you enjoy the action scenes?
I like them. I think they’re fun. I don’t like to get hurt, but it can be fun.

Are you yourself a comic fan? As well as this role, you voiced Gideon in The Flash
I am a fan in the sense that I grew up with a brother who read a lot of the comics, so they were always around the house. I do love the genre, but I haven’t read the Batman comics, so if you asked me about rare characters, I wouldn’t know them.

How much do you enjoy filming in New York?
It’s great, especially in the summer months. When it gets into the winter, it’s not so great. The writers forget about the cold of New York because they live in LA. They write all these exterior night scenes where we’re out there all night long, freezing our butts off. The look of New York is very Gotham – and they do such a great job of using all the really great buildings and gritty locations for the show. It’s great. 

giovedì 18 agosto 2016

NEWS - Calamity Cassidy! L'attrice sarà in tutti i serial super-eroici CW (10 foto per capirne il motivo)

News tratta da "TvLine" 
Katie Cassidy is the latest Berlantiverse actor to ink one of those cool new deals, by which she is now a series regular across multiple CW superhero shows — namely The Flash, Legends of Tomorrow and her original stomping grounds, Arrow (on which she will appear in the Season 5 premiere). Wentworth Miller, who transitioned from The Flash to Legends (for a one-season stint), was the first actor to sign such a grounbreaking pact; Arrow vet John Barrowman followed, earlier last month. Both Miller and Barrowman, it has since been announced, will play key roles in Season 2 of Legends, as Captain Cold, Malcolm Merlyn, along with Reverse-Flash (played by The Flash‘s Matt Letscher) and Damien Darhk (Arrow‘s Neal McDonough), form the Legion of Doom. Shortly after Cassidy’s Laurel Lance was killed off of Arrow this past spring, Cassidy popped up on sister series The Flash, as Miss Lance’s Earth-Two doppelganger, the minxy metahuman Black Siren.

martedì 16 agosto 2016

NEWS - Il nuovo "Star Trek" tv ("Discovery") sarà come un...romanzo!

News tratta da Collider.com
At their Comic-Con panel, executive producer Bryan Fuller announced that CBS’ new Star Trek series is titled Star Trek: Discovery. The title will keep with the trend that the show is named after the signature ship. In this case, it’s the USS Discovery, designation U.S.S. Discovery (NCC-1031). While unfortunately that means this show’s acronym is STD, we’ll all have to learn to get over that. Some ointment should help. Unfortunately, details on the show were scarce beyond the title. We still don’t know what Discovery is about, although Fuller confirmed to the crowd that unlike past, episodic Trek series, this new one would be more “like a novel,” which suits its streaming platform, CBS All Access. It should be interesting to see Trek put into a longform storytelling mode, especially if Fuller has a story worth telling in that format. It seems like Fuller really gets Trek, and I’m very curious to see how he can bring the uplift the show requires with the conflict that’s heavy enough to demand a season-long story. Fans were also treated to a look at the Discovery leaving spaceport, and it’s a fine looking ship. The design is pretty different than the other major ships we’ve seen. Unfortunately, its design doesn’t really tell us much about when this new Star Trek is taking place. It doesn’t looks ancient or anything, but if you told me that it’s from the same era as The Original Series, I could buy that. I could just as easily see it as a post-Voyager ship. So unfortunately, there are no clues there. Thankfully, Star Trek Discovery arrives in January 2017, so hopefully we’ll find out more about the show in the near future.

venerdì 12 agosto 2016

NEWS - Clamoroso al Cibali! In arrivo un nuovo fumetto di "Serenity" dalla Dark Horse

Although Joss Whedon’s acclaimed show Buffy the Vampire Slayer lasted for seven seasons, his follow-up — a space western called Firefly — was canceled after barely one. Luckily for fans, the series has lived on in other media, first in the 2005 sequel film Serenity and then in various Dark Horse comic series.
“I think that it’s the characters and their relationships first and foremost that keeps people coming back for more, followed pretty closely by the richness of the setting and the backstory,” comic writer and iZombie co-creator Chris Roberson tells EW. “There’s just so much to explore.”
Roberson is now getting his own chance to explore the world of Serenity with a new comic from Dark Horse, Serenity: No Power in the ‘Verse, illustrated by Georges Jeanty. Jeanty illustrated the previous Serenity comic, Leaves on the Wind, and No Power in the ‘Verse picks up about a year and a half after the conclusion of that storyline.
“The characters have been busy in the meantime,” Roberson teases. “They’re just wrapping up a job when they get a call from an old friend who is in desperate need of their help, and things get complicated pretty quickly.”
The title of the series harks back to one of River’s (Summer Glau) most famous quotes from the original series, that “no power in the ‘verse can stop me.” Roberson says that the reference is no accident, and River (now the pilot of Serenity after Wash’s death in the film) will play a big part in the new series.
“River plays a pretty central role in this story, in more ways than one,” Roberson says. “She’s really come into her own as the pilot of Serenity, for one thing, but now that Zoe’s daughter Emma is toddling around on her own by this point, River is always on hand to help look after her as well. But the Alliance is still hunting for River, which is going to continue to put the rest of the crew in the crosshairs.”
Above and below, check out the cover for the first issue of No Power in the ‘Verse (from a total of six) and an interior page featuring River and Zoe playing with little Emma in Serenity’s recognizable cargo hold. The issue goes on sale Oct. 26.

giovedì 11 agosto 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

IL FOGLIO
Ecco perchè "Mad Men" è stato un successo
I professori universitari di tutto il mondo e di qualsiasi materia si somigliano: già l'accensione di un  microfono è superiore alla destrezza tecnologica della categoria. Quindi servono istruzioni precise. L'intervento non deve superare i venti minuti, supporti filmati compresi. Siccome i computer portatili hanno difficoltà a connettersi con gli impianti fissi, si raccomanda una chiavetta usb. Meglio se ce n'è una seconda di backup, per ogni sciagurata evenienza. Si ricorda inoltre ai convenuti non americani che gli apparecchi leggono solo dvd con il marchio "Zona 1". Sembra un paragrafo rubato al romanzo di David Lodge "Il professore va al congresso" (dove un accademico in crisi da pagina bianca resta bloccato per giorni su una frase che inizia con "Therefore...", "E dunque..."; verrà salvato da un'epidemia di morbo del legionario che modifica il programma). Sono le istruzioni date ai professori che intendevano partecipare al convegno "Mad Men -The Conference", organizzato lo scorso maggio dalla Middle Tennessee State University (di cui finora ignoravamo l'esistenza) in collaborazione con la University of Salford a Manchester (mai sentita neanche questa, esiste come università dagli anni 50 del Novecento, non possono pretendere). Il luogo preciso era Murfreesboro, poco distante da Nashville in direzione sud, e Nashville era consigliata come gita a fine lavori, con pullman prenotabile alla modica cifra di 20 dollari. In attesa che arrivino gli atti del convegno - i più meritevoli avranno l'onore del supporto cartaceo, l'online viene celebrato a parole ma poi un libro è un libro, anche per i nativi digitali - abbiamo recuperato su The Hollywood Reporter un articolo sulla storia orale di "Mad Men". Uscì quando la serie diede l'addio agli spettatori, con un finale meno originale del congedo immaginato da David Chase per "I Soprano" (una dissolvenza in nero, molti spettatori pensarono che si era guastato il televisore). Ma abbastanza bizzarro da suscitare ipotesi e interpretazioni: è Don Draper che ha trovato la pace con gli hippie in California, oppure i figli dei fiori gli hanno suggerito lo spot più ruffiano nella storia della Coca Cola? Matthew Weiner racconta di aver scritto il primo copione di "Mad Men" in sei giorni: c'erano gli anni 60, l'agenzia di pubblicità, dosi di sigarette e di cocktail Martini da inquietare i dirigenti di ogni rete televisiva. Non c'era ancora l'identità rubata - a un soldato morto nella guerra di Corea - da Don Draper, che in realtà si chiama Dick Whitman. Fu aggiunta quando già la Amc aveva stanziato tre milioni di dollari per il pilot ("Chi diavolo sono questi della Amc?" chiedevano i possibili co-produttori interpellati: era una rete che mandava perlopiù vecchi film americani, la sigla sta per American Movie Classic). A conferma che in materia di capolavori l'ispirazione è sopravvalutata - valgono più la fatica e la casualità - quel pezzo di trama veniva da un'altra sceneggiatura ripescata da un cassetto nello studio di Weiner. Gli aneddoti da set ricordano quel che si raccontava di Luchino Visconti: anche i cassetti dovevano esser riempiti con roba anni Sessanta, e guai se l'insalatiera non era quella giusta. Incredibile ma vero: January Jones (Betty) fece il provino per la parte di Peggy. Ancora più incredibile fu la battaglia per avere Jon Hamm. Spiega Matthew Weiner, (che è bassetto e calvo): "Eravamo nei 2006, gli attori di bell'aspetto finivano in fondo a tutte le liste delle agenzie di casting, in cima stavano i tipi come Seth Rogen e come me". (Mariarosa Mancuso, 20.07.2016)

mercoledì 10 agosto 2016

GOSSIP - Doccia Hard! Il video integrale senza censure di Shay Mitchell di "PLL" tutta bagnata con Nick Jonas in "Under You"

lunedì 8 agosto 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

AVVENIRE
Serie tv e Religione: un rapporto controverso che non fa fede 
"Del controverso rapporto tra serie tv e religione c'è da qualche settimana stampata nella mente di molti telespettatori un'immagine simbolo. È nella parte conclusiva di Gomorra 2, quando Malammore, sicario di fiducia del boss Pietro Savastano, bacia il Crocifisso che porta al collo e poi spara a sangue freddo alla piccola figlia di Ciro Di Marzio. Terrorizzata, la bambina si rannicchia nel sedile posteriore dell'auto. È un'esecuzione spietata nel nome, o quantomeno nella "giustificazione , per assurdo, di Colui che ha dato la vita per la salvezza degli altri. La serie ispirata ai romanzi di Roberto Saviano è piena di simboli religiosi. Lo stesso finale, dopo l'uccisione della ragazzina, avviene con la vendetta di Ciro all'interno del cimitero dove Pietro si è recato per parlare (letteralmente) alla moglie morta. In questi uomini spietati c'è dunque il culto e il ri-spetto dei morti. Pietro, infatti, è andato nella cappella di famiglia per spiegare alla consorte defunta che non ce la fa più a vivere da solo e quindi chiede una sorta di permesso al riaccompagnarsi con un'altra donna. Poco dopo, invece, è costretto ad accettare la morte. Lo farà con dignità, togliendosi gli occhiali e pronunciando la frase: «A' finè ro' juomo sta tutta ca'». Criminalità e quotidianità, anche religiosa, vanno di pari passa I camorristi hanno le case piene di immagini sacre di fronte alle quali si fanno il segno della croce. A tavola non si fuma e si dice la preghiera prima di iniziare a mangiare. In questo senso Gomorra, più che strumentalizzare la religione, cerca di rappresentare un ambiente reale le cui caratteristiche si capiscono bene da quanto narrato dal gesuita padre FabrizioValletti, superiore della comunità di Scampia e responsabile dell'omonimo progetto. «Percorrendo le strade del quartiere si potrebbe pensare - racconta Valletti - che la popolazione viva una diffusa religiosità. In ogni raggruppamento di palazzi si incontrano edicole sacre o sculture con tanto di tempietto sovrastante. Anche nei cortili, negli androni, nei pianerottoli è un susseguirsi di immagini, di altarini, illuminati e sempre decorati con fiori. Se si considera che la maggior parte di queste immagini sacre è stata posta per iniziati-va delle famiglie che controllano le piazze dello spaccio, viene da pensare che ci sia un legame fra la cultura della camorra e questa ostentazione di pietà religiosa». Padre Valletti la individua nell'ipotesi di una «conti-nuità simbolica fra l'affermazione del "pro-tettore" malavitoso e la richiesta di protezione divina». Fatto sta che «la religione impre-gna la camorra»: «Gli uomini d'onore dei clan reinterpretano il messaggio cristiano a loro modo, così che questo, nella loro personalissima concezione, non possa essere considerato in contraddizione con l'attività camorrista». In poche parole «il clan che finalizza le proprie azioni al vantaggio di tutti gli affiliati considera il bene cristiano rispettato e perseguito dall'organizzazione». Rapporto controverso evidente, che la serie televisiva di Gomorra ripropone più che interpretare

Non è così per altre serie, soprattutto per quelle straniere. Ma anche per altre italiane. Un piccolo, ma significativo esempio, ci viene dal recente Dov'èMario? con Corrado Guzzanti. In questo caso la religione è irrisa con lo sketch volgare sulla suora protagonista della pubblicità dell'ipotetico medicinale Scurè o con la badante di Mario che tira fuori dalla borsa la statuina di una Madonna e la moglie di Mario che spiega come in quella casa non siano molto religiosi, ma se alla donna avesse fatto piacere avrebbero messo un Crocifisso nella sua camera. «Solo Lei - replica la badante
riferendosi alla statua della Madonna-, Lui non lo reggo!». Battuta vicina al blasfemo come peraltro accade, dall'altra parte dell'Oceano, con Jane the virgin dove, fatta salva tutta l'ironia che si vuole, la statua della Madonna canta in chiesa insieme al coro invitando la giovane protagonista a tenere le gambe chiuse e dove la madre di Jane, quando scopre che la figlia è incinta pur essendo vergine, si inginocchia e recita una sorta di Ave Maria con sinonimi più che discutibili. Restando sulle serie americane, ci imbattiamo spesso in quelle che hanno in sé elementi religiosi o pseudo tali come II trono di spade e Dominion. Quest'ultima con tanto di guerra tra due schiere di angeli e l'attesa di un nuovo messia. In entrambi i casi siamo di fronte a uno sorta di fantascienza più portata all'agnosticismo e all'ateismo. Le religioni del futuro sono generalmente
appannaggio di un gruppo dominante che le sfrutta per mantenere il potere. Discorso diverso invece per serie come l'apocalittica (ma non in senso biblico) The walking dead, che è seguita a Lost, o più ancora Outcast con i suoi indemoniati e i conseguenti esorcismi. Anche se qui non c'è il prete cattolico de L'esorcista, bensì un pastore evangelista del West Virginia, fermamente convinto che occorra combattere la dura battaglia contro le forze demoniache nonostante lui non sia proprio un esempio positivo. Indemoniati a sfare an-che nel sanguinolento Penny dreadful, che però è più una generica storia dell'orrore ambientata nella Londra Vittoriana. Da noi deve ancora arrivare The Path, serie televisiva statunitense incentrata sugli appartenenti a un presunto movimento religioso chiamato Meyerismo. Ma anche in questo caso dietro a riti, regole e preghiere si nascondono oscuri segreti. Ed è appunto uno degli elementi che caratterizza molte serie tv: la religione intesa come mistero con la "m" minuscola, come occasione per mettere in scena soprattutto il male. A volte, invece, la fede è un'opzione tra le altre. In ogni caso, la rappresentazione della religione nelle serie televisive (e non solo) è quasi sempre parziale. Se ne coglie, nel bene e nel male, un aspetto. Gli approcci sono diversificati e spesso la cultura religiosa degli autori è scarsa". (Andrea Fagioli, 13.07.2016)

venerdì 5 agosto 2016

L'EDICOLA DI LOU - Stralci, cover e commenti sui telefilm dai media italiani e stranieri

IL FOGLIO 
"Stranger Things", macchina del tempo per nostalgici e per millenial che non hanno mai visto "Stand by me"
"La scena imperdibile sta all'inizio del secondo episodio. Una ragazzina piuttosto male in arnese - capelli rapati a zero, un numero tatuato sull'avambraccio - viene accolta in casa da un ragazzino e da due compagnucci che assieme a lui passano i pomeriggi a giocare quella mania d'altri tempi che fu "Dungeons e Dragons". Ha addosso solo una maglietta arancione - una divisa, non è chiaro di quale istituzione - quindi le offrono una tuta. Lei fa la mossa di cambiarsi, i tre in preda al terrore indicano il bagno e pretendono pure la porta chiusa. Siamo nel territorio di Stephen King, geniale osservatore del momento preadolescenziale in cui i maschi preferiscono stare tra loro, le ragazze sono d'impiccio. Dura poco, lo racconta bene anche Wes Anderson in "Moonrise Kingdom - Una fuga d'amore". Susy e Sam, entrambi dodicenni anche se lei ha gli occhi truccati come Françoise Hardy e lui il cappello di Davy Crockett, scappano insieme. Lui sa che deve darle il primo bacio, si fa così, e pure con la lingua. Lo fa, e poi sputa. In "Inside Out" di Pete Docter, è l'allarme rosso che scatta nella testa: "Aiuto, una ragazza!" (per l'antologia delle scene non basta lo spazio della rubrica, usiamo l'ultima digressione per ricordare che nel romanzo "Mr Mercedes" King raccontava un'auto assassina lanciata su una folla di poveracci in fila per un lavoro). Gli ultimi - per ora - a inoltrarsi nel territorio si chiamano Matt e Ross Duffer, con la serie "Stranger Things" (gli otto episodi della prima stagione sono su Netflix). Per via di "Stand By Me", il regno di Stephen King è presidiato in egual misura da Steven Spielberg, che in proprio contribuisce con "E. T.". Tra i due sì è solidamente inserito J. J. Abrams con "Super 8", prodotto appunto da Spielberg che ne approfitta per dar la sua benedizione (o passare le consegne). Vuol dire che la prima bicicletta con le ruotine entra in scena cinque minuti dopo i titoli di testa (assieme alla prima madre divorziata). E' la serie di cui si chiacchiera, segno che i nostalgici degli anni Ottanta sono una legione, tra spettatori e critici (va aggiunta agli entusiasti una manciata di millennial che si stupiscono di ogni cosa e reagiscono di conseguenza). Gente che a sentire "Demogorgon" prova la stessa reazione di Marcel Proust davanti a una madeleine (è il Principe dei Demoni nel gioco "Dungeons e Dragons", attendiamo un bell'editoriale sul tema "i nostri mostri erano migliori dei vostri Pokémon"). Figuriamoci che succede a vedere un telefono da muro di bakelite giallina, con il filo attorcigliato e il disco con le lettere, oltre che con i numeri. I ragazzini giocatori erano in realtà quattro, altrettanti nerd maltrattati dai bulli - allora essere nerd non era figo come pare oggi che abbiamo visto "The Big Bang Theory". Uno di loro scompare tornando a casa dopo un partitone. Siamo in una cittadina dell'Indiana, L'anno è il 1983, nel prologo (lo chiamiamo così perché i titoli di testa somigliano a copertine di Stephen King e gli episodi sembrano intitolati come capitoli) uno scienziato passa un momentaccio. Nel laboratorio le luci si accendono e si spengono. Lo sceriffo dorme in canottiera sul divano (segno sicuro di un'altra famiglia che non ha funzionato benissimo). E sì, certo, di nascosto dagli adulti si parla con il walkie talkie. Per farsi un giro negli anni Ottanta, "Stranger Things" è una perfetta macchina del tempo, c'è pure Wynona Ryder pettinata come l'operaia Meryl Streep in "Silkwood". Talmente esagerata - e priva di ironia - da sconfinare nella caricatura". (Mariarosa Mancuso, 27.07.2016)

giovedì 4 agosto 2016

SGUARDO FETISH - Buffy l'AmmazzaPastelli! In arrivo l'album da colorare (per adulti) della cacciatrice di vampiri

News tratta da "Entertainment Weekly"
Drop your Mr. Pointy and pick up some crayons: A “Buffy the Vampire Slayer” adult coloring book is on the way. Dark Horse Books, the publisher behind the upcoming Serenity and Avatar: The Last Airbender adult coloring books, is bringing Buffy the Vampire Slayer universe to the coloring book world, offering Whedonites 45 intricately detailed original illustrations that incorporate moments from the entire series. The pages will feature the “Scooby Gang,” as well as the baddies, including The Master, Glory, Drusilla, and the Trio. The original art was created by Buffy Season 8, 9, and 10 comic book artists Karl Moline, Rebekah Isaacs, Georges Jeanty, Yishan Li, Steve Morris, and Newsha Ghasemi. The “Buffy the Vampire Slayer Adult Coloring Book” is available now for pre-order with an expected release date of Jan. 17, 2017.

mercoledì 3 agosto 2016

NEWS - E adesso Netflix s'inventa Flixtape, le playlist a tema

News tratta da "Vulture" 
Netflix knows it's your favorite place to procrastinate. To help you kill more time,  it's added a new feature: Flixtape, a playlist function that will enable you to make Netflix-TV-and-movie "mixtapes" — because you don't need to do errands or clean your house, you need to make an "Every Show I Liked in 1999" playlist. (Start with Buffy, proceed with The West Wing ...). If you're looking for inspiration, Netflix has some premade Flixtapes all lined up for you. The "Besties or Frenemies" playlist contains eps of Pretty Little Liars, Unbreakable Kimmy Schmidt, New Girl, and wild-card 1997 film Good Burger, while the "Summertimes" playlist features Wet Hot American Summer: First Day of Camp, Moonrise Kingdom, Grease, and, ahem, High School Musical 2.
Before you commence your Flixtape-ing, remember John Cusack's High Fidelity mixtape advice: “The making of a good compilation tape is a very subtle art. Many dos and don'ts. First of all, you’re using someone else’s poetry to express how you feel. This is a delicate thing.” Truer words were never spoken.


"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)

"Il trivial game + divertente dell'anno" (Lucca Comics)
Il GIOCO DEI TELEFILM di Leopoldo Damerini e Fabrizio Margaria, nei migliori negozi di giocattoli: un viaggio lungo 750 domande divise per epoche e difficoltà. Sfida i tuoi amici/parenti/partner/amanti e diventa Telefilm Master. Disegni originali by Silver. Regolamento di Luca Borsa. E' un gioco Ghenos Games. http://www.facebook.com/GiocoDeiTelefilm. https://twitter.com/GiocoTelefilm

Lick it or Leave it!

Lick it or Leave it!